DECIMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA - STEFANINI

 Via Todesco 14 - 35126 PADOVA
 Tel. 049755255 - Fax. 0498036694
 e-mail: pdic88500n@istruzione.it

CHI SIAMO

 

 

IL X ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA

L' Istituto, nuovo nella sua strutturazione del 2007, si colloca nella parte sud-est del Quartiere 4 di Padova. E' costituito da tre scuole primarie provenienti da due direzioni didattiche diverse (la sesta e la settima): L. Luzzatti, I. Nievo, Quattro Martiri e da due sedi di scuola secondaria di primo grado provenienti dall'Istituto Todesco sedi di Salboro e Voltabarozzo.

Un primo obiettivo fondamentale, riconosciuto dalle linee di indirizzo del Consiglio d'Istituto, è quello di cercare fin da subito di lavorare cercando di progettare e realizzare l’offerta formativa dell’Istituzione scolastica nella prospettiva dell’unitarietà e della condivisione, pur salvaguardando le libertà individuali, le esperienze e le storie delle differenti scuole, tutto il raggio di autonomia degli organi collegiali.

L'Istituto si prefigge di offrire, al nuovo contesto territoriale, occasione di ascolto, proposta, iniziativa, condivisione e valutazione, nella prospettiva di una scuola come servizio al territorio.

Avvalendosi di tutte le azioni educative e formative del territorio, intende accompagnare il dispiegarsi del progetto di vita di ogni alunno/a, contribuendo alla sua formazione culturale ed umana, attraverso lo scambio con gli adulti e fra pari.

Le pratiche educative traggono fondamento dalle buone prassi della memoria storica delle singole scuole che sono confluite nel Comprensivo, nonché dai modelli di riferimento della ricerca psicopedagogica attuale e dalla normativa recente tra le nuove e vecchie Indicazioni.

Un grande obiettivo che l’Istituto si pone è quello di riuscire, nell’arco di un triennio, di creare coesione e condivisione cercando di valorizzare tutti i punti forza presenti.

L'Istituto intende porre l’azione formativa dell’Istituzione alla misura di tre valori: il rispetto (corrette relazioni tra le persone e corretto rapporto con le cose), la cura ( attenzione al disagio ma anche alle eccellenze) e il continuo miglioramento ( riflessione interna e autovalutazione per un servizio di qualità).